Sostituzione del pavimento e del massetto

Quando è necessario?

Parlando di pavimento eccoci giunti al maggiore rifacimento che lo riguarda. La sostituzione dell’intero pacchetto di pavimentazione che comprende non solo il pavimento ed il suo strato adesivo ma anche lo strato cementizio che si trova immediatamente sotto chiamato “massetto”. Questo strato svolge molte funzionalità, semplicisticamente possiamo dire che serve sia per conferire un corretto isolamento termo-acustico che per contenere ogni canalizzazione che riguarda l’ambiente in questione.

Quando è necessario demolire anche il massetto?

Beh, semplice, quando la sostituzione del mio pavimento non è l’unica opera che devo compiere ma è parte di lavorazioni più complesse e/o di una vera e propria ristrutturazione. Lavori in cui sono previste demolizioni di pareti interne, spostamento di termosifoni, scarichi e in generale tutto ciò che comporti un importante spostamento impiantistico.

Inoltre è necessario demolire parte del massetto se si vogliono inserire nuovi impianti come ad esempio il riscaldamento a pavimento, nuovi termosifoni, nuove canalizzazioni. Se si vuole inserire un materassino anticalpestio mantenendo inalterato il livello interno o ancora sarà necessario quando si aggiungono nuovi ambienti, come un secondo bagno o un locale lavanderia che necessitano di canalizzazioni dedicate.

Solitamente quando si affrontano lavori importanti come quelli descritti in precedenza è sempre consigliata la sostituzione degli impianti o almeno un’importante revisione. Questo perché, visto che si affronta questa grande esperienza della ristrutturazione è bene non lasciare niente al caso per evitare che dopo poco tempo dalla fine lavori ci si ritrovi con un problema impiantistico che ci impone di demolire nuovamente il nostro bellissimo nuovo pavimento!

Rientrando in lavorazioni più complesse che richiedono un titolo abilitativo per poter essere eseguite, c’è necessità di un tecnico abilitato che progetti e supervisioni i lavori. Il professionista curerà oltre a tutti gli aspetti tecnici, anche tutti quegli aspetti burocratici e normativi necessari al corretto svolgimento dell’operazione, consegnando anche tutta la documentazione necessaria per rientrare nelle agevolazioni del Bonus Ristrutturazioni prorogato dal governo per tutto il 2019.

I costi di questo intervento comprendono la demolizione del pavimento ed il massetto (in genere circa 30€/mq per uno spessore di 10 cm), lo smaltimento dei materiali ed il trasporto a discarica (costo che dipende dalla quantità di mc prodotti e dalle tariffe correnti nella città dove si trova l’abitazione), il rifacimento del nuovo massetto (circa 15-20€ al mq) e la posa del nuovo pavimento, il cui prezzo varia a seconda della tipologia scelta e della manodopera necessaria per la posa. Parliamo di costi che si allontanano molto dalle opzioni viste nei precedenti articoli sulle lavorazioni al pavimento, ma naturalmente qui abbiamo anche lavorazioni differenti per entità ed impegno necessario.

Se l’articolo ti è stato di aiuto e hai bisogno di altri consigli pratici ed utili non dimenticare di seguire la nostra pagina facebook e la piattaforma de #ilMiglioreArchitetto dove hai a disposizione 7 PIANI per mettere in pratica le tue idee e l’Assistenza Prioritaria per chiedere direttamente al professionista il parere di cui hai bisogno, se ti iscrivi alla piattaforma il servizio è gratuito!

Ti aspetto!

 

Articoli collegati

Recupero del pavimento esistente  Sostituzione del pavimento  Posa del nuovo pavimento sul vecchio