Quali alternative ad un camino a legna?

Nuove soluzioni per il più classico degli elementi

Il camino ha sempre un fascino particolare, chiunque riesce ad immaginarsi in inverno davanti alla fiamma accesa mentre legge un buon libro. Purtroppo non è sempre possibile installare un camino in casa nostra, come abbiamo già spiegato qui , ma esistono delle valide alternative che ci permettono di avere comunque un focolare in casa.

I camini moderni non hanno bisogno di molto spazio per essere installati, non richiedono manutenzione o pulizia continue come i normali camini e, soprattutto, non hanno bisogno di una canna fumaria. Ne esistono di forme, materiali e finiture più disparate e questo gli conferisce tutte le caratteristiche per diventare anche un importante elemento di arredo in casa nostra.

Il camino a gas è una valida alternativa al camino a legna e riesce a coniugare il classico camino con una soluzione più semplice e che richiede meno cura. È ideale per scaldare ambienti di grandi dimensioni ed è sicuro perché dotato di un sistema di controllo che blocca l’uscita del gas se si dovessero verificare delle perdite. I modelli sono vari e spaziano da quelli con una conformazione classica, composti solo dal piano di appoggio e aperti, a quelli dal design più moderno, aperti con vetro frontale, o quelli da incasso che hanno anche una capacità di riscaldamento maggiore grazie alla camera di accumulo che non permette la dispersione del calore. I camini a gas richiedono meno manutenzione rispetto a quelli a legna e anche i tempi di gestione sono notevolmente minori. È necessario però che l’istallazione e la prima accensione siano fatte da un tecnico specializzato.

Il biocamino è un particolare tipo di camino che utilizza come combustibile il bioetanolo, un materiale biodegradabile ed ecologico, ed è chiamato così perché non emette inquinanti. I due elementi che caratterizzano il biocamino sono appunto il combustibile e il bruciatore. Il bruciatore è generalmente realizzato in acciaio inox per resistere alle alte temperature. Per sicurezza tutti i camini, come anche quelli a gas, sono dotati di un sistema di chiusura che regola la fiamma e la fuoriuscita di combustibile quando è spento. La resa di questi camini è molto alta grazie all’assenza di canna fumaria, che quindi impedisce la dispersione di calore. Conviene installare questo tipo di camini in ambienti non troppo piccoli e con un buon ricircolo di aria. Una delle soluzioni di design più utilizzate è quella di inserirlo in strutture di vetro trasparente, ma le personalizzazioni sono infinite, e praticamente si adattano a tutti i tipi di arredo. Una soluzione molto utilizzata è la bi-facciale, cioè inserire il camino in una parete in modo che sia visibile da entrambi i lati, di solito la parete che divide il living e la zona pranzo. Il biocamino è la scelta giusta per chi non vuole rinunciare ad avere un camino in casa ma è molto attento alle tematiche green. Di facile utilizzo, deve però essere istallato da un professionista.

Il camino elettrico è ideale se cerchi una soluzione di grande impatto estetico ma semplice e che si possa istallare senza canna fumaria. I camini elettrici, oltre che simulare con verosimiglianza la fiamma di un camino a legna, hanno anche una buona capacità di riscaldamento di ambienti medio-grandi. Ovviamente, essendo elettrici, permettono la regolazione di accensione, spegnimento e temperatura, cosa che non è possibile fare con un classico camino. I modelli sono vari e si possono trovare soluzioni che siano il giusto compromesso tra prezzo e funzionalità. Il design dei camini elettrici è generalmente molto ricercato e può essere un’ottima soluzione per dividere ambienti diversi in modo spettacolare. Per chi non si accontenta solo della fiamma, alcuni modelli sono dotati di elementi molto scenografici, come fibre elettriche per illuminare la fiamma o nebulizzatori d’acqua con luci led per dare un effetto ancora più realistico. I camini elettrici possono essere posizionati in ogni parte della casa, se le dimensioni sono contenute possono anche spostati in quanto l’unica cosa di cui hanno bisogno per funzionare è una presa elettrica. Non hanno bisogno di pulizia o manutenzione e neanche di un continuo ricambio d’aria perché non bruciano combustibile. Per finire, si possono istallare senza aiuto di operai specializzati.

Se l’articolo ti è stato utile non dimenticare di seguire pagina facebook e la piattaforma de #ilMiglioreArchitetto dove troverai molti altri articoli sugli argomenti più disparati! Non dimenticare, hai a disposizione 7 PIANI per mettere in pratica le tue idee e l’Assistenza Prioritaria per chiarire con un  professionista i tuoi dubbi!

A presto!

 

Articoli collegati

Le regole per installare correttamente il camino