Le mille forme delle scale

La vita è fatta a scale, recita un famoso detto…ma come sono fatte le scale?

La scala è uno degli elementi architettonici più interessanti che possiamo trovare nella nostra casa. La sua funzione è quella di collegare piani che si trovano a quote diverse, mettendo quindi in comunicazione spazi che sono divisi da un ostacolo fisico non indifferente grazie ad un percorso dinamico. Pensare e progettare una scala significa quindi dare forma ad un percorso, ma dobbiamo sempre tenere presente che questo oggetto tridimensionale, oltre che essere sicuro, deve essere anche bello, in quanto caratterizzerà lo spazio in cui si trova in modo prepotente. Insomma, la scala ha in sé un potenziale di teatralità che non dobbiamo sottovalutare quando scegliamo la forma e il materiale con cui realizzarla, ma non dobbiamo mai sottovalutare la fase della realizzazione, che deve essere curata nei minimi dettagli per fare in modo che la nostra scala sia perfetta in ogni aspetto.

Dal punto di vista planimetrico le scale possono essere ad una o più rampe. Le scale ad una rampa sono le più semplici sia da realizzare che da usare. La lunghezza della scala, il numero e l’altezza dei gradini, così come la profondità della pedata dipendono dal dislivello che questa dovrà coprire. In particolare, il rapporto tra alzata e pedata è calcolato con la formula 2A+P=64, dove A indica l’alzata e P la pedata. Quando non è possibile realizzare una sola rampa, magari per mancanza di spazio o perché la distanza tra i due piani è troppa, le scale multirampa sono la soluzione migliore. È importante sapere che è obbligatorio inserire, dopo una certa lunghezza, un pianerottolo per la sosta, che sostanzialmente è un gradino più grande degli altri che serve per spezzare la salita. Un’altra soluzione utilizzata che risulta molto scenografica è la scala a chiocciola (per approfondire la scala a chiocciola, clicca qui! ), che ha una dimensione sicuramente più contenuta rispetto alle scale lineari ma può risultare più scomoda.

Di solito le scale vengono realizzate incastrando o appoggiando gli elementi che le compongono (rampe, gradini e pianerottoli) sulla struttura portante. Oggi le scale vengono realizzate spesso con la tecnica “a sbalzo”, che permette di realizzare la scala con i gradini connessi tramite appoggi o incastri nel muro. La scala realizzata in questo modo è di

forte impatto perché risulta lineare e minimalista, caratteristiche che la rendono una delle soluzioni più di moda oggi.

Le scale possono essere realizzate con materiali diversi, anche quelli a cui non penseresti mai, come il vetro! Ovviamente i materiali possono anche essere combinati tra di loro per realizzare soluzioni uniche. Il legno è uno dei materiali più utilizzati ed apprezzati. I tipi di legno più impiegati sono quelli duri, resistenti all’usura e al calpestio. Si integra bene con materiali più moderni come acciaio e vetro. Le scale in pietra vengono solitamente realizzate in calcestruzzo e rivestite solo in pietra. Sono di grande impatto visivo e ricordano le scale che venivano realizzate nell’antichità. Il calcestruzzo armato è un materiale comunemente utilizzato nella realizzazione di scale, perché è di facile esecuzione, si adatta a qualsiasi spazio disponibile e può essere rivestito dei materiali più diversi. Inoltre una scala in calcestruzzo armato può essere lasciata nuda e conferire così all’ambiente uno stile brutalista o industrial. L’acciaio è uno dei materiali che si presta meglio a realizzare scale di tutte le forme grazie alla sua duttilità e resistenza, che permettono di realizzare scale dai profili complessi mantenendo comunque una leggerezza visiva che è difficile ottenere con altri tipi di materiali. Infine il vetro, un materiale impiegato da pochi decenni per la costruzione di scale, di grande impatto visivo ma più costoso rispetto alle precedenti soluzioni. Le scale possono essere realizzate a sbalzo con il supporto interno o perimetrale al gradino stesso, in modo da sottolineare la leggerezza e la trasparenza tipiche del materiale. Rimanendo sempre nel mondo del vetro un breve cenno va fatto anche al vetro strutturale, si rende impercettibile la presenza della scala stessa, soluzione solitamente utilizzata nelle ristrutturazioni di edifici di valenza storica dove si vuole cercare di impattare il meno possibile sull’esistente.

Naturalmente i materiali utilizzabili come rivestimento sono i più disparati ed anche la combinazione dei materiali sopra elencati può dar vita ad infinite soluzioni. La scala è un elemento fondamentale per l’ambiente in cui la andiamo a posizionare, anche se piccola è sempre importante caratterizzarla e studiarla con attenzione e professionalità.

Se l’articolo ti è stato utile non dimenticare di seguire pagina facebook e la piattaforma de #ilMiglioreArchitetto dove troverai molti altri articoli su argomenti interessanti e diversi! Se hai bisogno di realizzare una scala (e non solo) ricordati che puoi approfittare di uno dei 7 PIANI per mettere in pratica le tue idee e l’Assistenza Prioritaria per chiarire con un professionista i tuoi dubbi!

A presto!

 

Articoli collegati

Come risparmiare spazio con la scala a chiocciola Tendenze arredamento 2019 Ristrutturazione: quali documenti? Ristrutturazione economica Le regole per progettare una cucina funzionale