Il controsoffitto come elemento di design

La soluzione invisibile per dividere lo spazio

La maggior parte delle volte quando pensiamo ad un controsoffitto ci vengono in mente quegli anonimi soffitti modulari che troppo spesso abbiamo visto in uffici o edifici pubblici e che tanto ci hanno fatto storcere il naso. In realtà il controsoffitto realizzato in cartongesso può essere un vero e proprio elemento di design nella nostra abitazione e diventare anche una risorsa da sfruttare in maniera creativa per dare un tocco di unicità al nostro living o alla camera da letto, oltre che essere usato per nascondere elementi tecnici o di illuminazione che non vogliamo tenere a vista. I pregi di un controsoffitto progettato al meglio sono molteplici e spaziano da soluzioni funzionali (ad esempio la separazione di due zone della stessa stanza o la creazione di un soppalco) ad altre puramente estetiche (ad esempio mettere in risalto le decorazioni di un soffitto antico
In un ambiente ampio come può essere una zona giorno, il controsoffitto permette di dividere lo spazio senza la necessità di realizzare dei tramezzi che riducono la possibilità di movimento e rovinano la percezione dello spazio. Progettare un controsoffitto a quote diverse contribuisce a definire le diverse zone della stanza, come ad esempio quella del salotto dalla sala da pranzo.

Possiamo usare il controsoffitto per mettere in risalto un elemento architettonico che ci piace particolarmente, come una libreria, creando ad esempio uno scasso intorno all’elemento che ne aumenta l’impatto e attira l’attenzione.

Quando ci troviamo in presenza di uno spazio molto regolare, giocare con il controsoffitto, cambiandone la forma, l’altezza o l’allineamento ci aiuta a dare allo spazio nuove prospettive e a rendere l’atmosfera più dinamica.Il Migliore Architetto - controsoffitto elemento di design - faretti - retroilluminazione

Spesso capita di trovarsi in presenza di travature al centro della stanza che dividono in due lo spazio in modo netto e disturbano l’effetto che volevamo dare all’ambiente. In questo caso l’uso sapiente del controsoffitto, mediante la creazione di velette in cartongesso, permette di mimetizzare e ridurre l’effetto della trave in modo naturale.

Come abbiamo già detto, un controsoffitto ben progettato ci aiuta a migliorare la qualità dello spazio percepito. Nei corridoi, ad esempio, un controsoffitto basso e discontinuo può spezzare la monotonia di un ambiente di passaggio troppo lungo. Inoltre si può giocare con i colori e rendere l’elemento di design oltre che funzionale.

Accanto a tutti i pregi che abbiamo elencato, non bisogna dimenticare i benefici funzionali che si possono trarre dalla realizzazione del controsoffitto. Esso ci permette di incassare al proprio interno elementi tecnici quali ad esempio i binari per porte scorrevoli, l’impianto dell’aria condizionata, lasciando a vista solo le bocchette, o ancora faretti a scomparsa ed elementi di illuminazione lineari, che permettono di esaltare ancora meglio gli effetti estetici creati dal controsoffitto stesso.

Dopo aver scoperto i benefici che si possono trarre da un sapiente impiego del controsoffitto, come scegliere la soluzione più adatta alle nostre esigenze? Il professionista vi può affiancare nella scelta, consigliandovi metodi di impiego e le soluzioni che fanno al caso vostro e che vi possono aiutare a trasformare la vostra casa in un ambiente unico e originale!

Se l’articolo ti è stato utile non dimenticare di seguire pagina facebook e la piattaforma de #ilMiglioreArchitetto dove troverai molti altri articoli su argomenti sempre nuovi! Non dimenticare, hai a disposizione 7 PIANI per mettere in pratica le tue idee e l’Assistenza Prioritaria per chiarire con un  professionista i tuoi dubbi!

A presto!

 

Articoli collegati

Perché e come utilizzare il cartongesso  L’illuminazione come elemento di design   Ristrutturazione: quali documenti presentare?   Ristrutturazione economica