Gli aspetti fondamentali per un bagno perfetto

soluzioni speciali per una stanza interamente dedicata al benessere

Tutte le stanze della nostra casa sono importanti, non esiste una gerarchia per cui la camera da letto viene prima o dopo della cucina…eppure, a pensarci bene, il bagno è la stanza che lasciamo sempre per ultima, quella che inconsciamente pensiamo possa essere arredata dopo, con calma, glie elementi fondamentali li inseriamo subito e il resto verrà con il tempo…niente di più sbagliato! Il bagno, anche quando è piccolo, è un ambiente da rendere il più possibile confortevole e vivibile. Per questo motivo è fondamentale essere affiancati da un professionista che possa aiutarci a sfruttare i nostri spazi al meglio per ricavare un bagno di cui andare fieri.

Quando ci si appresta a ristrutturare un bagno, si fa sempre riferimento alla legge 5 Luglio 1975 che prevede che l’unico bagno di un’abitazione deve avere una superficie minima di 3,5 mq e deve essere dotato di una finestra apribile per il ricircolo dell’aria o di un impianto di aspirazione forzato dell’aria. Se invece nell’abitazione sono presenti due bagni, anche il secondo può essere cieco e dotato necessariamente di un sistema di aspirazione dell’aria meccanico. Inoltre, sempre per legge, per ogni abitazione almeno una stanza da bagno deve essere dotata di lavandino, water, bidet, vasca da bagno o doccia.

Per prima cosa dobbiamo stare attenti alle dimensioni e analizzare lo spazio che abbiamo a disposizione in modo da decidere quali elementi inserire, tenendo sempre presente gli ingombri e lo spazio necessario a svolgere le attività quotidiane. in relazione a questo aspetto, dobbiamo fermarci un momento a pensare alla funzione del bagno. È un bagno di servizio o il bagno principale della casa? È a servizio di una sola stanza o di tutte? Questo ci permetterà di stabilire una gerarchia che ci aiuterà a scegliere quanti e quali elementi inserire in ogni stanza da bagno (non sono sempre necessari lavandino, water, bidet e doccia o vasca!). Inoltre, è sempre bene stabilire un budget che non vogliamo superare, per non trovarci a dover scegliere un rivestimento non adatto perché ci siamo innamorati di un lavandino di design troppo caro. Si possono trovare soluzioni molto belle anche con budget contenuti, il professionista può aiutarci in questo

La luce è uno degli aspetti fondamentali da studiare molto approfonditamente in fase di progettazione. In un bagno con finestra bisogna tenere presente che la luce naturale tende ad ingiallire i rivestimenti, specialmente le resine, che con la loro superficie continua sono difficili da rinnovare. Per i bagni ciechi invece è fondamentale studiare l’illuminazione artificiale in modo che le lampade o i faretti non creino zone d’ombra fastidiose per lo svolgimento delle attività quotidiane (per saperne di più sull’illuminazione delle stanze clicca qui).

In base alle dimensioni del nostro ambiente possiamo decidere di inserire la doccia, la vasca o entrambe, la scelta dipende dalle nostre abitudini personali. Tutti e due gli elementi hanno dei vantaggi: la doccia è più pratica, ma la vasca ha indubbiamente un fascino particolare (per avere dei suggerimenti sulla doccia e sulla vasca leggi qui ). Lo stesso discorso vale per il lavabo. Ne esistono modelli diversissimi tra di loro, a ciotola, incassato e molte altre, ma vogliamo porre l’accento sulla possibilità, avendo lo spazio necessario, di inserire nel nostro bagno un doppio lavandino. Questa scelta è ancora poco utilizzata in Italia ma si sta affermando molto in fretta grazie alla sua indubbia praticità e comodità (informazioni utili sui lavabi puoi trovarle qui). Per quanto riguarda i sanitari, sono sempre più di moda il tipo sospeso, che presenta molti vantaggi dal punto di vista pratico di pulizia, ma in caso di ristrutturazione spesso non è comodo spostare gli impianti da terra a parete e quindi si deve ricorrere ai più classici elementi a terra, ma ne esistono ormai modelli molto eleganti e minimali ugualmente di effetto (per aiutarti nella scelta dei sanitari leggi questo articolo ).

Per i nostri bagni possiamo scegliere rivestimenti più diversi ormai, il limite sono solo i nostri gusti personali. Il consiglio è però quello di scegliere il rivestimento in base alle nostre abitudini. Il tempo che abbiamo per pulire ad esempio deve essere preso in considerazione prima della scelta, perché alcuni materiali hanno bisogno di più cura rispetto ad altri. Per quanto riguarda le pareti, è meglio prevedere di far arrivare il rivestimento fino all’altezza delle porte, in modo da garantire il massimo igiene e la massima facilità di pulizia, a meno che non vogliamo optare per la realizzazione di una parete continua, ancora più facile da gestire. Negli ultimi anni poi si è sviluppata sempre di più la tendenza a sostituire il rivestimento ceramico con la pittura, rigorosamente smaltata, o con le resine, soluzioni che creano un bellissimo effetto visivo con le lucide superfici continue, ma è sempre saggio prevedere un rivestimento per le pareti del bagno esposte agli schizzi per una questione di praticità. Per il pavimento la scelta solitamente ricade su una pavimentazione in piastrelle, però ci si chiede spesso come reagisce il parquet in ambienti umidi come il bagno. Se trattato con le dovute precauzioni, il parquet può essere utilizzato liberamente nel bagno, purché ci si ricordi di asciugarlo dopo ogni doccia (per approfondire i materiali di rivestimento per la tua casa clicca qui)!

In ultimo, prestiamo attenzione alla rubinetteria e scegliamola in funzione dei sanitari che abbiamo posizionato nel nostro bagno, in modo da creare armonia in tutte la parti dell’ambiente (se vuoi saperne di più sulla rubinetteria per il bagno leggi questo articolo).

Se l’articolo ti è stato utile non dimenticare di seguire pagina facebook e la piattaforma de #ilMiglioreArchitetto dove troverai molti altri articoli sul bagno e su altri argomenti! Non dimenticare, hai a disposizione 7 PIANI per mettere in pratica le tue idee e l’Assistenza Prioritaria per chiarire con un  professionista i tuoi dubbi!

A presto!

 

Articoli collegati

L’illuminazione come elemento di design   I 7 errori da non fare mai nel progetto del bagno   I tipi di lavabo più diffusi per il bagno   Quale sanitario scelgo per il mio bagno?   Idee e misure per il tuo bagno di servizio  Ad ogni lavabo il giusto rubinetto   Doccia, vasca o entrambe   Un lusso per tutti. la sauna in casa   Quali sono i rivestimenti a parete più utilizzati?   Documentazione per la conformità degli impianti   Cosa fare per ricavare un bagno in mansarda?   Ristrutturazione: quali documenti presentare?   Sostituzione del pavimento e massetto